Scotton Sport Days

Nei giorni giovedì 27 e venerdì 28 Febbraio 2020 si svolgeranno allo Scotton gli Sport Days.
Read more

La didattica per competenze al centro dell’attività formativa all’IIS Scotton.

La stretta collaborazione tra le aziende del territorio e l’Istituto “Andrea Scotton” di Breganze/Bassano è una realtà che si sta consolidando e che rende sempre più necessario un ripensamento dell’azione didattica. Un importante corso di aggiornamento rivolto a tutto il personale docente, nato dall’esigenza di allargare lo sguardo a valutare lo studente per “ciò che sa fare con ciò che sa”, vedrà coinvolta in prima persona una delle figure più autorevoli del mondo accademico nell’ambito della didattica per competenze. 
Si tratta del prof. Mario Castoldi, docente di Didattica generale presso l’Università di Torino e Responsabile scientifico della Dea Formazione, il sito De Agostini dedicato appunto alla formazione.
Il prof. Castoldi si occupa da sempre di problematiche valutative in ambito scolastico, in riferimento alla qualità degli apprendimenti e degli insegnamenti, e ha al suo attivo numerose pubblicazioni fra cui, per ricordarne solo alcune, La qualità a scuola. Percorsi e strumenti di autovalutazione (2005), Portfolio a scuola (2005) e Il mentore. Manuale di tirocinio per gli insegnanti in formazione (2007). 
A partire dal 18 febbraio, per una serie di sei incontri, il prof. Castoldi rifletterà insieme ai docenti dell’Istituto su come la modalità più efficace per promuovere lo sviluppo professionale all’interno di un gruppo docente muova dalla rielaborazione critica delle proprie pratiche professionali e dalla costruzione di un lessico e di una prospettiva strategica comune. 
A tale scopo, si alterneranno momenti informativi e momenti di lavoro di gruppo, finalizzato sia all’analisi critica delle proprie esperienze professionali, che all’ elaborazione di proposte e strumenti operativi comuni. 
Il corso si propone di rispondere alle novità didattiche introdotte dalla riforma dei Professionali, ma testimonia al contempo l’attenzione dell’Istituto al territorio e alle sue esigenze, manifestate dalle Associazioni di categoria in un tavolo di lavoro che si è tenuto di recente, in occasione dell’inaugurazione dei nuovi laboratori didattici a Bassano.  
Del resto, è sempre più viva l’attenzione che il mondo del lavoro sta riservando ai Professionali, in un momento di crescita delle iscrizioni che segnala un rinato interesse delle famiglie nei confronti di questo settore dell’istruzione. 
Come sottolinea il DS, prof. Carmine Vegliante, che ha fortemente voluto questa esperienza di aggiornamento, il contatto con le aziende di settore e l’attenzione per le loro richieste di profili lavorativi in continua evoluzione, devono acquisire sempre più rilevanza all’interno della didattica di un Istituto professionale che, come lo SCOTTON, voglia stare al passo con i tempi.  
Read more

La scuola digitale… lo Scotton di Bassano si classifica al primo posto.

La didattica deve sapersi continuamente evolvere per restare al passo con i tempi, se non anticiparli. 
Gli studenti nella scuola di oggi sono chiamati ad affrontare problemi reali ai quali devono trovare delle soluzioni innovative ed efficaci lavorando in gruppo e, soprattutto, sfruttando ciò che appartiene al loro mondo e che può essere utilizzato all’esterno della classe. 
La scuola digitale mette l’accento su tutto ciò, stimolando i docenti ad attuare una didattica che, avendo come punto di partenza la tecnologia in tutte le sue innumerevole sfaccettature, metta l’alunno in condizione di apprendere in modo “naturale”, divertente, motivante, progettuale e totalmente inclusivo, affinché i singoli talenti vengano evidenziati. 
Far diventare gli studenti di oggi i lavoratori di domani, abili, preparati e in grado di usare a proprio vantaggio tutto ciò che l’evoluzione tecnologica mette a disposizione, è una delle competenze per un apprendimento permanente richiesta dal concorso nazionale “Premio Scuola Digitale 2019/2020”, emanato dal MIUR per tutte le scuole di ogni ordine e grado.
La prima fase si è svolta a livello provinciale e ha visto la partecipazione di molti istituti che hanno inviato alla scuola polo ITET Einaudi di Bassano del Grappa  il proprio progetto, avente come oggetto modelli didattici innovativi e sperimentali: percorsi di apprendimento curricolari ed extracurricolari basati sulle tecnologie digitali; prototipi tecnologici e applicazioni, nei settori del making, coding, robotica, internet delle cose (IoT), del gaming e gamification, creatività digitale (arte, musica, valorizzazione del patrimonio storico, artistico, culturale, ambientale, con le tecnologie digitali, storytelling, tinkering); utilizzo delle nuove tecnologie per inclusione e accessibilità; STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica); sviluppo sostenibile del territorio attraverso le tecnologie digitali.
Un’apposita commissione ha poi visionato e votato il materiale ricevuto, selezionando i 12 Istituti (6 del primo ciclo e 6 del secondo ciclo) le cui idee risultavano le più meritevoli.  
La finale provinciale si è svolta il 17 febbraio scorso, presso l’ITIS Rossi di Vicenza, dove le scuole selezionate hanno presentato un video della durata di 3′ e un elevator pitch per spiegare il lavoro svolto, tenuto dagli stessi studenti che hanno elaborato il progetto.
Alla presenza di una giuria composta da esperti in campo informatico, mediatico e didattico, l’IIS SCOTTON di Bassano del Grappa si è classificato al primo posto grazie al “Safety Escape Room”. 
Il progetto, pensato e realizzato per insegnare la sicurezza in ambito scolastico agli studenti delle classi prime nello specifico contesto di una scuola professionale, vede l’utilizzo di programmi e metodologie che hanno come protagonisti non solo la manipolazione di foto 3D attraverso specifici software, la realizzazione di immagini adatte alla Realtà Virtuale e un gioco interattivo, ma anche la messa in atto di tecniche di team building e modalità operative che appartengono al mondo dell’industria. 
Gli studenti saliti sul palco hanno saputo trasmettere ai presenti i contenuti del progetto e, soprattutto, la passione e l’entusiasmo nati e cresciuti, giorno dopo giorno, nella realizzazione della loro idea. 
Maggiori sono stati la loro soddisfazione e il loro orgoglio quando hanno ricevuto, dalle mani del Provveditore Carlo Alberto Formaggio, un assegno di 1.000 € da investire per terminare e perfezionare il lavoro presentato.
Il DS prof. Carmine Vegliante si congratula con gli studenti per l’entusiasmo e l’abilità dimostrati e ringrazia  le docenti professoresse Barbara Antoniel e Serena Moro per aver saputo motivare e trascinare i loro alunni  con competenza e professionalità.
Il prossimo appuntamento alla finale regionale a VENEZIA…Forza ragazzi!!!

 


Read more